1. «Le stelle in cielo
non conoscono l’ira 
Bla, bla, bla, fine.»
#fightclub #poesia #TylerDurden #Tyler #MarlaSinger #lyrics #Palahniuk #book #read  #EdwardNortonHaLeTurbe #EdwardNorton #BradPitt

    «Le stelle in cielo
    non conoscono l’ira
    Bla, bla, bla, fine.»
    #fightclub #poesia #TylerDurden #Tyler #MarlaSinger #lyrics #Palahniuk #book #read #EdwardNortonHaLeTurbe #EdwardNorton #BradPitt

  2. albo:

La triste storia dell’uomo che voleva essere Ken

    albo:

    La triste storia dell’uomo che voleva essere Ken

  3. stevemccurrystudios:

    Back to School

    “Education is the most powerful weapon which you can use to change the world.”
    - Nelson Mandela


    Please visit our Wordpress blog:  http://www.stevemccurry.wordpress.com

  4. (Fonte: ST0RMER)

  5. kallelundholm:

Lonely fish at Coolangatta on Flickr.

    kallelundholm:

    Lonely fish at Coolangatta on Flickr.

  6. weandthecolor:

Surreal Photography by Kylli Sparre
Check out this collection of fine art photography and image manipulations by Kylli Sparre.
You can find more of her photos on WATC.
Find WATC on:Facebook I Twitter I Google+ I Pinterest I Flipboard I Instagram

    weandthecolor:

    Surreal Photography by Kylli Sparre

    Check out this collection of fine art photography and image manipulations by Kylli Sparre.

    You can find more of her photos on WATC.

    Find WATC on:
    Facebook
     I Twitter I Google+ I Pinterest I Flipboard I Instagram

  7. corallorosso:

    Gaza, la campagna #JewsandArabsRefusetoBeEnemies
    Arabi e israeliani. Amici, fidanzati, mariti e mogli. Sui social per dire che si rifiutano di essere nemici.
    Mentre a Gaza l’escalation di violenza pare non conoscere limite, alcune famiglie arabo-israeliane lanciano sui social network il loro messaggio di pace.
    Gli ideatori sono Abraham Gutman, studente israeliano di New York e la sua amica siriana Dania Darwish.
    Davanti ai commenti di odio incrociato tra israeliani e palestinesi, i due hanno pensato di reagire creando una comunità virtuale di persone che lanciassero un messaggio completamente diverso. Ricordando che alla fine tutti siamo solo persone, al di là della religione e della nazionalità.
    La campagna è diventata virale grazie allo scatto della giornalista americana di origini libanesi Sulome Anderson e del suo fidanzato ebreo Jeremy. Foto retwittata migliaia di volte.